Archive for Agosto 2013

27 Ago 2013

1912, quando i “negri” eravamo noi .Italiani piccoli, puzzolenti e ladri?

Filed under Argomenti vari

USA1912

La “Relazione sugli italiani” redatta dall’Ispettorato all’Immigrazione statunitense (1912):

“Generalmente sono di piccola statura, di pelle scura, non amano l’acqua e molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane; si costruiscono baracche di legno nelle periferie delle città dove vivono gli uni vicino agli altri. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci. Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti, fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra loro. Dicono che sono dediti al furto e che ostacolati diventano violenti; i nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma soprattutto non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro paese per lavorare e quelli che pensano di vivere con espedienti o addirittura attività criminali”

————————————————————–

ITALIA 2013

Contestazione nei confronti della titolare del dicastero all’integrazione.Questa persona farà gli interessi della ‘sua’ gente, che non siamo noi, ma che sono gli invasori della nostra terra”.

 

11 commenti

25 Ago 2013

Legge Severino, sono già 37 i decaduti Ma per il Pdl è incostituzionale solo per B

Filed under Argomenti vari

 

Amministratori locali fuori dalla politica per aver annullato due multe o per aver installato lampioni
senza appalto. Silvio Berlusconi ancora in Parlamento dopo 280 milioni di euro di frode fiscale
Il Cavaliere ai suoi: “Mi va bene tutto, anche i servizi sociali. Ma non la decadenza: è incostituzionale”

Commenti disabilitati

25 Ago 2013

Alfano: “Impensabile la decadenza di Berlusconi”

Filed under Argomenti vari

ansa

“Berlusconi ha deciso, il governo Letta cadrà”. Parola di Daniela Santanché in un’intervista a Repubblica, in cui la “pasionaria” del Pdl elenca anche i nomi di chi nel partito non lo ha capito e cerca di perdere tempo “Lupi, Schifani, Cicchitto, Quagliariello”. La reazione dei “nominati”, in primis Cicchitto, non si fa attendere: “Non ci sembra che la Santanché abbia scelto il momento più opportuno per fare questo elenco dei buoni, dei cattivi e dei mediocri”. Ma non è un caso che il giorno dopo il supervertice di Arcore si senta soprattutto la voce dei falchi del Pdl. Sabato il partito si è riunito a villa San Martino, la residenza di Silvio Berlusconi per decidere la linea da tenere in vista del voto in Giunta per le elezioni del Senato sulla decadenza dell’ex premier da parlamentare. Un vertice durato 5 ore, c’erano tutti i big, ministri compresi, i figli del premier, gli uomini più fidati delle aziende. Alla fine è stato il vice premier Angelino Alfano, segretario del Pdl, a tirare le conclusioni, attraverso una nota-ultimatum diretta al Pd: “La decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore è impensabile e costituzionalmente inaccettabile”. Alfano descrive il suo come un partito unito ”a fianco del suo presidente Silvio Berlusconi, a cui è molto legato da indissolubili vincoli di affetto e di condivisione politica”. Quindi, è facile arguire, ministri e parlamentari non resteranno impassibili di fronte al compiersi del destino politico di Berlusconi. Alfano però ci tiene a sottolineare che la permanenza del Pdl nel governo non è solo legata alla sorte del Cavaliere, ma anche all’abolizione dell’Imu: “Non c’e’ più tempo per rinvii e dilazioni”. E qui il messaggio è ad Enrico Letta. Il premier, che sta per rientrare dall’Afghanistan, ostenta tranquillità: “Torno a Roma con più determinazione di quando sono partito, affinché l’autolesionismo non sia il sentimento con cui si racconta l’Italia. Tecnicamente l’esenzione dell’Imu per tutti non è possibile, risponde il vice ministro all’economia Stefano Fassina (Pd): Le risorse per cancellare l’Imu sulla prima casa non sono sufficienti ad esentare anche le abitazioni di lusso. Vorrei che il Pdl prestasse, attenzione non solo verso chi ha appartamenti di 400 metri quadrati, ma verso chi rischia di non vedere rifinanziata la Cig in deroga”.

Sul destino di Berlusconi inoltre il Pd però non si muove dalla sua posizione: alla nota di Alfano risponde a caldo Davide Zoggia. “Non è pensabile che si possano eludere le leggi e non rispettare le sentenze. Ci auguriamo – dice il responsabile Organizzazione dei democratici – che il Pdl trovi la forza di scindere le questioni giudiziarie dall’azione che il governo sta portando avanti per il bene del Paese e degli italiani”. Dunque i democratici voteranno la decadenza del Cavaliere, come prevede la legge Severino; a questo punto l’unica via d’uscita potrebbe essere il rinvio del voto in Giunta al Senato. Nel Pdl c’è chi ancora crede che, alla fine, i democratici non saranno così inflessibili e che da loro potrebbe arrivare un’apertura a rallentare i tempi, accettando che la legge Severino vada all’esame della Corte Costituzionale. Se così non fosse però anche i più moderati sono convinti che sarebbe “rottura totale”.

C’è anche il terzo alleato di governo, Scelta Civica, che nei giorni scorsi aveva visto un suo ministro, Mario Mauro, caldeggiare l’ipotesi dell’amnistia. A rimettere in riga il partito ci pensa Mario Monti in persona: la nostra linea, dice, è l’inderogabile rispetto della parità dei cittadini davanti alla legge e la “volontà che il Governo Letta prosegua la sua opera, senza sottostare a diktat di questo o quel partito di coalizione”.

.

ultimissime

Commenti disabilitati

22 Ago 2013

PAPA FRANCESCO TELEFONA AD UNO STUDENTE”PRONTO? SONO BERGOGLIO, DAMMI DEL TU”:

Filed under Argomenti vari

di Alessandro Bonavetti   www.leggo.it
Squilla il telefono, lui, 19 anni di Camin, è a casa, e risponde: dall’altro capo della cornetta c’è Papa Francesco. È accaduto davvero ad un ragazzo padovano, Stefano Cabizza, una passione per il calcio (quest’anno è in prima categoria con la Gregonese, e tanto lavoro con lo studio (ingegneria dell’informazione).

Otto minuti al telefono con il Pontefice. Francesco aveva scritto una lettera al Papa prima di andare a Roma con la famiglia, l’aveva consegnata ad un cardinale durante la messa in piazza. «Ho voluto parlare di questa mia esperienza fantastica solo per mettere in luce il gesto di grande umiltà e vicinanza a noi fedeli di Papa Francesco», spiega Stefano con l’emozione ancora viva negli occhi. «Mi ha detto di dargli del tu, dicendomi: “Credi che gli Apostoli dessero del lei a Gesù? O lo chiamassero sua eccellenza? Erano amici come lo siamo adesso io e te, ed io agli amici sono abituato a dare del tu».

Commenti disabilitati

21 Ago 2013

Siria: gas letali sui civili, oltre 200 morti

Filed under Argomenti vari

C’è chi parla di 213 morti, chi addirittura di 500. Attivisti siriani denunciano l’uso di gas letali da parte del regime di Al Assad durante un bombardamento condotto su alcune aree vicine a Damasco, sotto il controllo dei ribelli.”Centinaia di martiri e di feriti, tra cui donne e bambini, sono il risultato del barbaro uso di gas letali da parte del regime criminale nelle città dell’est del Ghouta”, denunciano i Comitati locali di coordinamento siriani. Secondo attivisti, citati dall’agenzia Reuters, i morti sarebbero 213, addirittura 500 secondo quelli sentiti dall’emittente televisiva Al Arabiya.Il governo smentisce l’uso di armi non convenzionali, ma sul web sono comparsi dei filmati che mostrano immagini strazianti di molti bambini vittime dei gas e delle polveri proibite.La denuncia arriva proprio nel giorno della visita nella capitale siriana di un team delle Nazioni Unite di esperti di armi chimiche.

Commenti disabilitati

19 Ago 2013

Quattro caffè e 3 amari a San Marco Lo scontrino supera i cento euro

Filed under Argomenti vari

 

 

Al Caffè Lavena. I turisti romani postano la foto su Facebook e scoppia il caso . La difesa della Fipe: «Quelle tazzine sarebbero dovute costare 20 euro l’una» Quattro caffè e tre amari in Piazza San Marco, con tanto di accompagnamento musicale, sono costati a un gruppo di sette turisti romani, 100,80 euro. Il conto «salato», del caffè Lavena pubblicato sulle pagine di Facebook, è diventata l’occasione per una nuova polemica sui costi degli esercizi commerciali di Piazza San Marco. A incidere sul prezzo totale è stata, in particolare, la voce «accompagnamento musicale», che ammontava da sola a 42 euro, e la «correzione» al caffè, costata 44,80 euro.

I titolari del caffè, che si affaccia sul «salotto buono» della città, non si scompongono e spiegano: «Ai turisti viene dato il listino nel quale sono indicati tutti i prezzi, compreso il supplemento per la musica». Difende il locale anche Ernesto Pancin, segretario provinciale della Fipe, la federazione dei pubblici esercizi. «Se quei caffè e quegli amari i sette turisti romani li avessero presi cento metri più in là, fuori dalla piazza, avrebbero sicuramente pagato un prezzo diverso».

E rincara: «Sono stufo di questi episodi che attaccano di continuo Venezia e i locali apparentemente da salasso. Mi sembra che siano persone che non sanno girare il mondo. Cosa pretendevano di pagare in un caffè che è il top sia nel servizio che nella qualità, seduti in Piazza San Marco e con l’orchestra che suona per loro? Se ne stia a casa certa gente. Lancio una provocazione: quel caffè per quanto mi riguarda – conclude – sarebbe dovuto costare almeno 20 euro per i costi che hanno le nostre aziende

Commenti disabilitati

02 Ago 2013

Lettera aperta indirizzata al ministro Kyenge

Filed under Argomenti vari

Girovagando su Internet ci siamo imbattuti in una lettera aperta scritta da parte di una cittadina italiana chiamata Lorella e inidirizzata al nuovo ministro Kyenge..
Abbiamo deciso di pubblicare il testo integrale poichè racchiude il pensiero di molti italiani:
“Gentile signora Kyenge,
mi scuso, ma non riesco a chiamarla Ministro, non per razzismo come molti possano essere indotti a pensare, ma per criterio.Non posso chiamare Ministro chi si dichiara a metà tra il mio paese ed un altro, mentre ha giurato fedeltà alla mia Costituzione.Non accetto che lei parli a nome mio e dei miei concittadini definendoci “meticci”. Io sono da generazioni italiana, nel mio albero genealogico ci sono persone che hanno dato la vita per questo paese, ho una cultura, la mia, quella del mio popolo, che amo e che non voglio cambiare con nessun altra.

Commenti disabilitati

01 Ago 2013

LE RUBANO L’IPHONE E APRE UN BLOG CON LE FOTO CHE SI SCATTA IL LADRO

Filed under Argomenti vari

Le rubano lo smartphone e apre un blog con le foto che il ladro si sta scattando di giorno in giorno. È la bizzarra e ironica vicenda di una turista tedesca alla quale è stato sottratto il cellulare durante un bagno di mezzanotte, in vacanza. Il ladro non si è ancora accorto che la proprietaria aveva installato l’app Dropbox sul telefono e che quindi tutte le foto scattate dal ragazzo, che nel frattempo e volato a Dubai, continuano a essere scaricate nella sua casella. La ragazza tedesca ha quindi aperto un blog intitolato “Vita di uno sconosciuto che ha rubato il mio telefono” e sta postando quotidianamente le immagini, a insaputa dell’incauto ladruncolo.

 

Commenti disabilitati