Archive for Luglio 2013

27 Lug 2013

Kyenge, banane contro il ministro alla festa Pd. Lei: “Razzismo sintomo di disagio”

Filed under Argomenti vari

Contestazione nei confronti della titolare del dicastero all’integrazione. I frutti sono stati lanciati da una persona tra il pubblico. Il dibattito è stato sospeso. Forza Nuova: “Noi non c’entriamo”. Il membro del governo usa l’ironia: “Triste sprecare cibo”

 

 

 

Commenti disabilitati

26 Lug 2013

“Senza orgasmo non e’ stupro”, choc negli Usa

Filed under Argomenti vari

 

La denuncia delle studentesse della Usc in California respinta con giustificazione davvero oltraggiosa

http://video.it.msn.com/watch/video/senza-orgasmo-non-e-stupro-choc-negli-usa/6hizzx7j

Commenti disabilitati

24 Lug 2013

DONNA ANNUNCIA IL SUICIDIO SU FACEBOOK.IL MARITO LA TROVA IMPICCATA A UN ALBERO

Filed under Argomenti vari

Ha annunciato la sua decisione di farla finita sul proprio profilo facebook oggi alle 13.Un’ora e mezzo dopo è stata trovata cadavere dal marito, impiccata ad un albero del giardino. È successo a Carrara, protagonista una donna di 43 anni.Secondo la polizia, la donna era malata ma a influire sul suo stato psichico sarebbe stata la crisi del suo matrimonio e la presenza di una terza persona nella sua vita. Una volta postato il suo addio, gli amici hanno cominciato a commentarlo esortandola a ragionare.«Sono stata in chat con lei fino a tardi stanotte ma non sono riuscita a calmarla», scrive alla pagina fb una sua amica. Dopo la pubblicazione dell’ultimo messaggio della donna però nessuna chiamata è arrivata alla polizia. Le indagini sono affidate al commissariato di Carrara che è intervenuto sul posto con il dirigente Paolo Giuseppe Mariani.

 

Commenti disabilitati

24 Lug 2013

DIFFAMAZIONE ONLINE, SCONTRO TRA GOVERNE MAGGIORANZA. SEL-M5S: “BAVAGLIO AL WEB”

Filed under Argomenti vari

www.leggo.it

Sui siti con contenuto editoriale, cioè i giornali on line, è guerra tra governo e maggioranza. I relatori del testo sulla diffamazione, che sono anche i capigruppo in commissione di Pdl e Pd, rispettivamente Enrico Costa e Walter Verini hanno messo a punto degli emendamenti per estendere le norme della diffamazione anche ai quotidiani on line.
Il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri ha dato però parere negativo facendo andare su tutte le furie Costa che ha chiesto la sospensione della seduta. «Il sottosegretario Ferri – è il racconto di Costa – ha dato parere contrario agli emendamenti della maggioranza tra gli applausi dei grillini e di Sel».Ma «sinceramente – aggiunge il capogruppo del Pdl – non capisco la sua posizione. Se le norme sulla diffamazione si applicano ai quotidiani perchè non si devono applicare anche alla versione on line degli stessi quotidiani? Sulla carta non si può diffamare su internet sì?».La seduta della commissione, tra le proteste dei relatori e le acclamazioni dell’opposizione, è stata sospesa e rinviata a domani mattina alle 8. Ma, secondo quanto si apprende, è probabile che il governo riveda la sua posizione visto che il Guardasigilli non sarebbe stato messo al corrente dell’opinione del sottosegretario.

SEL E M5S: “VOGLIONO IMBAVAGLIARE LA RETE” «Vogliono imbavagliare la Rete». È l’accusa mossa ai partiti della maggioranza dai deputati di M5S e Sel. «Voglio estendere la diffamazione a mezzo stampa anche ai siti editoriali, ma così si rischia di zittire il web», dice Alfonso Bonafede, del M5S.«Nella distrazione generale, in commissione Giustizia alla Camera si sta tentando di calare un colpo all’informazione in Rete. In maniera totalmente surrettizia Pdl, Pd e Scelta civica hanno presentato emendamenti per estendere la nuova disciplina sulla diffamazione a mezzo stampa anche ‘ai siti internet aventi natura editorialè. Un colpo di mano silenzioso cui ci opporremo», afferma il capogruppo Sel in commissione Giustizia Daniele Farina spiegando che il tutto avviene «nonostante il parere negativo del governo, che ha rilevato la totale indeterminatezza della definizione, e nonostante nel testo base del deputato Costa non compaia mai il tema, ma anzi ne sia stato esplicitamente espunto».Si tratta, prosegue Farina, di «un colpo di mano liberticida che si copre del plauso sul venir meno del carcere per i giornalisti: vera novità di un provvedimento che è calendarizzato già venerdì nell’aula di Montecitorio. Estendere in maniera indistinta al web norme costruite per le testate giornalistiche – conclude – significa non capire la necessità di un ragionamento più specifico sulle caratteristiche, i mezzi e le dimensioni della maggior parte dei siti operanti nella rete che, peraltro, la commissione ha ampiamente ignorato nelle proprie audizioni».

 

Commenti disabilitati

18 Lug 2013

ROCCO SIFFREDI, SPOT CONTRO L’ABBANDONO DEI CANI: “NON FATELO, ALTRIMENTI…”

Filed under Argomenti vari

 

Rocco Siffredi da anni è impegnato nelle cause animaliste e contro l’abbandono dei cani. Ora ha girato un spot che mette in Rete nel quale gioca con i suoi due cani. Poi lancia un avvertimento a chi fosse intenzionato a sbarazzarsi del proprio cucciolo…

Commenti disabilitati

10 Lug 2013

EGITTO, REPORTER FILMA IL CECCHINO MENTRE LO UCCIDE: IL VIDEO CHOC

Filed under Argomenti vari

Morte in diretta. Il video choc è stato filmato dal reporter egiziano del quotidiano Al-Hoira Wa Al-Adala, Sami Ahmed Assem, rimasto vittima durante gli scontri avvenuti lunedì scorso davanti la sede della Guardia repubblicana egiziana al Cairo.

L’uomo era stato inviato dal suo giornale e stava riprendendo la reazione dei militari ai manifestanti, fino al tragico epilogo. E’ infatti lo stesso editore a confermare la morte di Sami Ahmed Assem al momento dell’interruzione del video.

VIDEO

http://video.leggo.it/index.jsp?videoId=10508&sectionId=51&t=egitto-choc-il-reporter-filma-il-cecchino-mentre-lo-uccide

 

Commenti disabilitati

05 Lug 2013

PALOMA, 7 MESI SENZA DEPILARSI PER PROTESTA”LE DONNE NON DEVONO SENTIRSI OBBLIGATE”

Filed under Argomenti vari

 

La depilazione è una tortura per molte donne, eppure quasi tutte continuano a scegliere un corpo glabro. Non è dello stesso parere Paloma Goñi, una blogger spagnola che ha deciso di portare avanti la sua personale battaglia contro la depilazione femminile.
La giovane, peli sulle gambe e sotto le ascelle, racconta di aver odiato depilarsi sin da adolescente e si batte affinché tutte le donne possano riappropriarsi della libera scelta sulla questione. Il suo post, in cui mostra le foto del risultato di sette mesi senza depilarsi, è stato ripreso dall’edizione spagnola dell’Huffington Post. Paloma chiede: “Il fatto di essere donna mi obbliga a depilarmi? Sono previste altre opzioni”?

“Se dipendesse solo da me non lo farei. Ma dipende davvero solo da me? Logicamente con il mio corpo posso fare quello che voglio, ma non voglio sentire l’esigenza di escogitare piani per nascondermi e non sono una rivoluzionaria. Non sono preparata ad ascoltare critiche e sopportare gli sguardi altrui” scrive Paloma.

Per Paloma si riduce tutto a una questione di libera scelta: “Quello che contesto è che siamo arrivati ad un punto tale che il genere femminile non abbia scelta. Viene dato per scontato che una donna si rada i peli su gambe ed ascelle. Alcune ragazze sono arrivate a rivendicare il diritto di mantenere i propri peli sulle parti intime. Penso che noi donne dobbiamo tornare a poter scegliere se volerci depilare o meno senza aver bisogno di passare per una rivoluzione”.

CONDIVIDI

Commenti disabilitati

03 Lug 2013

LA FINE DEL MONDO? NON ERA NEL 2012ECCO LA “NUOVA” DATA DELL’APOCALISSE

Filed under Argomenti vari

 

Chi è scampato alla fine del mondo prevista dai Maya per il 2012 di sicuro non vivrà tanto a lungo da poter verificare se le nuove coordinate dell’Apocalisse risulteranno esatte.
La Terra, secondo uno studio riportato dalla Bbc, rimarra deserta tra due miliardi di anni, nel 2000002013. A decretare la scomparsa di ogni forma di vita conosciuta, che verrà rimpiazzata da microbi, sarà l’assenza di anidride carbonica causata dal maggior riscaldamento solare. La stella produce maggior calore man mano che invecchia, così l’acqua evaporerà a ritmi più sostenuti e le reazioni chimiche prodotte ridurranno sembre più l’anidride carbonica. Gli scienziati ritengono che tra meno di un miliardo di anni non ce ne sarà più abbastanza per consentire la sopravvivenza delle piante. Di conseguenza si estingueranno gli animali erbivori e quelli carnivori Passato un altro miliardo di anni, anche gli oceani si prosciugheranno.“In un futuro remoto le condizioni di vita sulla terra saranno estreme”, ha detto l’astrobiologo Jack O’Malley James dell’univeristà di St. Andrews in Scozia, che ha poi aggiunto: “Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di acqua per sopravvivere, quindi le uniche forme di vita saranno presenti in quelle zone del mondo, magari ai poli o in grotte sotterranee, dove ancora vi saranno residui di H2O”.

CONDIVIDI

Commenti disabilitati