02 Mar 2016

Sgarbi , su Vendola

Filed under Argomenti vari

Non può essere, quello appena nato, il figlio di Vendola. Dal culo non esce niente.
Vendola ha un marito ed è contemporaneamente padre. Due persone dello stesso sesso non generano. Ma di cosa stiamo parlando?
I bambini devono essere concepiti, educati e evoluti sulla base di ciò che la natura consente.
Di bambini bisognosi è pieno il mondo, e si possono aiutare in tanti modi. Quel bambino è una persona che si sono costruiti a tavolino, come un peluche. E’ insopportabile.

Sulla pagina facebook  di Sgarbi

Qualche ora prima, sulla pagina Facebook del critico era apparso un altro post, che sintetizzava così il pensiero di Sgarbi: “I neonati si attaccano alle tette, non ai coglioni”.

Commenti disabilitati

28 Gen 2016

” I RAGAZZI di BREMA ”

Filed under Argomenti vari

 

 

” I RAGAZZI DI BREMA, NATI PER L’ACQUA MORTI NEL FUOCO “

Il 28 gennaio 1966, in Germania, cade un aereo con a bordo sette nuotatori azzurri, il loro allenatore e un giornalista Rai.Cinquant’anni fa morivano Bruno Bianchi, Paolo Costoli, Sergio De Gregorio, Carmen Longo, Luciana Massenzi, Dino Rora, Daniela Samuele,Nico Sapio e Amedeo Chimisso, atleta veneziano e nuova speranza del nuoto azzurro.

A questo tragico evento e per onorare la memoria di questi ragazzi, è dedicata la COPPA BREMA, manifestazione a cui ogni anno prendono parte tanti atleti delle nostre squadre agonistiche.

1 commento

11 Gen 2016

COSE CHE UNA COMMESSA PUO’ SENTIRSI CHIEDERE AL SUPERMERCATO….

Filed under Argomenti vari

 

RIGOROSAMENTE VERE!

1. L’acqua demoralizzata
2. I prodotti senza glutei
3. Le vongole feroci
4. I prodotti contro le terme nell’armadio
5. Le padelle autoaderenti
6. L’acqua Crocchetta
7. La Coca Cola senza cocaina
8. “Scusi, dove sono i biscotti che compro di solito?”
9. I depilan delle offerte
10. “Dov’è lo shampoo quello che fanno la pubblicità in TV?”
11. La ceretta per il microonde
12. Lo Shiffer per la polvere
13. La penna indelebile che si cancella
14. Gli stuzzicaorecchie
15. L’olio semprevergine d’oliva
16. La Trisaola (Bresaola)
17. La birra antialcolica
18. “Dov’è il biscottone di Banderas?”
19. Lo shampoo Frictus
20. Il vino senza zolfo
21. L’anti tartaro per il wc
22. La scopa di vaggina
23. La polenta sbranata
24. I pizzicotteri (Pizzoccheri)
25. Una cliente che cercaval’insalata di mare nel reparto ortofrutta
26. La frutta candida
27. I cordon flash
28. Il prosciutto di prada
29. I rasoi butta e getta
30. Le carote Julin
31. Il formaggio gnocca
32. Le padelle aderenti
33. Le uova di lampo
34. Lo shampoo anti canfora
35. I croccantini whisky
36. Il deodorante freccia azzurra
37. Il nelson piatti
38. Il detergente intimo indesit
39. L’acqua parzialmente scremata
40. I biscotti al plasmon
41. Il bagno alla schiuma
42. Le prugne samsung
43. I calzini transexy
44. Le ali di coniglio
45. “Mi da due etti di scarpaccio” (Carpaccio)
46. I sacchetti deperibili
47. L’anticarie per la lavatrice
48. Gli stuccadenti
49. L’acqua leggermente naturale
50. Le pesche sviluppate

Commenti disabilitati

11 Gen 2016

Pensionato usa lo stesso sacchetto per la spesa da 34 anni

Filed under Argomenti vari

 

Sappiamo tutti che è consigliato usare lo stesso sacchetto per la spesa più volte, ma probabilmente anche i più attenti non si avvicinano neppure lontanamente a Martin McCaskie, che usa lo stesso sacchetto dal 1981.McCaskie non aveva mai dato grossa importanza alla cosa, e quindi neppure la sua famiglia sapeva che avesse sempre usato l’identico sacchetto per fare la spesa. La cosa è venuta fuori per caso, quando qualche settimana fa era a fare la spesa con la figlia ed ha tirato fuori dalla tasca il sacchetto d’epoca, che peraltro commemorava i sessant’anni della catena Tesco. La donna ha fatto una foto al padre con il sacchetto e l’ha postata su Facebook e da lì la sua storia è diventata famosa.“Non mi ricordo neppure esattamente da che negozio l’ho preso, ma ha sempre funzionato bene”, ha raccontato l’uomo, “Il mio motto è sempre stato ‘non sprecare’. Il sacchetto è stato decisamente utile da quando quelli nuovi sono diventati a pagamento, ma anche prima di allora lo avevo sempre con me, perché non si sa mai quando puà servire. E non puoi infilare in tasca qualcosa di troppo pesante”.

Commenti disabilitati

05 Gen 2016

OGNI MESE DEVO RISARCIRE L’UOMO CHE HA STUPRATO MIA FIGLIA”

Filed under Argomenti vari

 

Ogni mese deve risarcire l’uomo che ha stuprato sua figlia. Libero racconta l’allucinante vicenda di Davide Zaccarelli, di Faenza. Dal suo stipendio di circa 1700 euro ogni mese vengono pignorati 350 euro che finiscono nel conto della madre di Ezio Foschini.Quest’ultimo è un professore che è stato condannato per quello che ha fatto a Elisa Zaccarelli, una ragazza che allora aveva 15 anni. Nel 2007 l’ha baciata in bocca e le ha toccato le parti intime.E’ l’inizio di una kakfiana storia processuale. Foschini, dopo sei mesi di carcere, affronta da uomo libero il processo. Viene condannato a quattro anni di carcere e a un risarcimento di 66mila euro: 40mila da dare a Elisa e 26mila euro ai genitori.Il padre di Elisa a Libero racconta che a questo punto il professore “risulta nullatenente, scopriamo che qualche tempo prima della sentenza aveva fatto sparire i soldi dal suo conto, trasferendoli su quello del padre”.Davide Zaccarelli a questo punto denuncia il professore, e viene poi condannato: “Siamo condannati per aver causato un danno biologico nei confronti dei genitori di Foschini. In pratica il papà del violentatore sarebbe stato male per la nostra denuncia” racconta a Libero. “Dobbiamo risarcirlo e pagare le spese legali. In tutto gli devo, tra interessi maturati e condanna, 40mila euro. Soldi che non abbiamo, per cui mi pignorano lo stipendio”.

Il dramma si compie il 29 giugno 2014, quando Elisa si suicida. Una famiglia distrutta dal dolore, e una vicenda processuale che lascia tante, troppe domande in sospeso.

1 commento

31 Dic 2015

Sbarcato ad Alassio il gelato dal gusto ‘stupefacente’:

Filed under Argomenti vari

 

OGGI IL  LANCIO SUL MERCATO

Sbarcato ad Alassio il gelato dal gusto ‘stupefacente’: si chiama Marley ed è la nuova creazione di una gelateria locale, a base di semi di canapa decorticati, dedicato all’icona della musica Reggae Bob Marley.L’iniziativa nasce grazie alla collaborazione avviata con ‘Canapa Ligure’, un’associazione che promuove gli effetti benefici della canapa. “Stiamo lavorando in questi giorni per averlo pronto per la notte dell’ultimo dell’anno.” Annunciano i produttori.”Un gelato buonissimo e con tutte le proprietà benefiche proprie della canapa – spiegano i titolari – Le proprietà dei semi di canapa sono dovute soprattutto all’alta presenza degli acidi polinsaturi che li rendono preziosi per combattere e prevenire diversi disturbi tra i quali l’arteriosclerosi, disturbi cardiovascolari, colesterolo, artrosi, malattie del sistema respiratorio (come asma, sinusite e tracheite), eczemi e acne.”

Commenti disabilitati

22 Dic 2015

Paris Parigi

Filed under Argomenti vari

Ricevo e ritrasmetto: Avviso per tutte le nazioni, etnie e religioni diverse:
Questa sera,domani sera a Natale, accendiamo una candela su tutte le finestre delle abitazioni come solidarietà per il popolo francese e…condanna per il massacro avvenuto!
Siamo tutti fratelli!
Che brilli ovunque lo spirito di vita. ..e non bagliori di morte!
Passaparola!
Grazie ??

1 commento

22 Dic 2015

OGGI 22 DICEMBRE IL SOLSTIZIO D’INVERNO

Filed under Argomenti vari

Quando si parla di solstizio d’inverno si intende il momento in cui il sole raggiunge la massima distanza angolare rispetto al piano dell’equatore terrestre. Questo fenomeno condiziona l’orario del tramonto: il solstizio d’inverno, infatti, è il giorno più corto dell’anno.

Il solstizio d’inverno e quello d’estate sono i due giorni in cui l’emisfero Nord e quello Sud ricevono rispettivamente il minimo e il massimo dell’irraggiamento solare (a differenza degli equinozi, che sono i giorni in cui la durata del giorno e della notte è di esattamente 12 ore).

Commenti disabilitati

10 Mar 2015

la scena si è vista tante volte, ma all’orrore non ci si abitua mai.

Filed under Argomenti vari

 

Nelle foto si vede un uomo più anziano leggere al microfono la sentenza di morte e un boia incappucciato brandire una sciabola mezza arrugginita. In ginocchio le vittime, bendate, col capo chino. Le immagini testimoniano solo gli istanti subito precedenti alle esecuzioni.Nelle aree controllate dall’Isis le violenze nei confronti degli omosessuali sono all’ordine del giorno. Sono stati diffuse foto e video terribili di persone lanciate nel vuoto dai tetti o lapidate.SkyNews ha rivelato però che spesso l’Isis sottopone i propri prigionieri a finte esecuzioni così da disorientarli e ucciderli quando non se lo aspettano.

Commenti disabilitati

22 Gen 2015

Arabia Saudita, emessa una fatwa contro i pupazzi di neve: non accettabili per l’Islam

Filed under Argomenti vari,Calcio

Ricordano la sagoma umana ma non sono esseri umani, dunque sono idoli e costruirli significa peccare: sono i pupazzi di neve a finire nei mirino di un imam dell’Arabia Saudita, che emana una fatwa contro chi osa realizzarli. Sheikh Mohammed Saleh al-Munajjid è un’importante autorità religiosa nel Nord dell’Arabia Saudita dove nel corso degli ultimi dieci giorni è caduta molta neve a causa della tempesta “Huda”. Da qui il fatto che un imprecisato numero di bambini ha spontaneamente realizzato dei pupazzi di neve in parchi pubblici e giardini privati, spingendo l’imam a intervenire per frenare un comportamento “non permesso dall’Islam” perché si tratta di “statue di neve dalle fattezze umane” che in quanto tali “sono proibite anche se finalizzate solo a giocare e divertirsi    Citando precedenti opinioni di dotti studiosi dell’Islam, Sheikh Mohammed Saleh al-Munajjid arriva alla conclusione che “realizzare pupazzi di neve significa commettere un peccato” sulla base della legge del regno saudita. “Ad essere permessa è la costruzione, con la neve o altri materiali di qualsiasi cosa che non abbia un’anima: alberi, navi, frutta, edifici e quant’altro ma non esseri umani”. Il pronunciamento religioso ha sollevato polemiche nella provincia di Tabuk, nei pressi del confine della Giordania, dove la neve è caduta per il terzo anno consecutivo, e la risposta di Sheikh Mohammed Saleh al-Munajjid è stata che “l’unica maniera per non fare peccato costruendo un pupazzo di neve è privarlo della testa o della faccia” per impedirgli di assomigliare ad un essere umano.

Commenti disabilitati

Articoli precedenti »

echo '';